La Francia obbligherà ad estendere il diritto di oblio a tutti i domini?

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 16 Giugno 15 Autore: Pinter
La Francia obbligherà ad estendere il diritto di oblio a tutti i domini?
Il Cnil (Commission Nationale de l’Informatique et des Libertes) che in Francia si occupa di protezione dei dati personali ha intimato a Google di estendere entro 10 giorni il diritto all’oblio anche ai domini .com e non solo, come avviene attualmente, al sottodominio francese .fr.

In altre parole, Google dovrà cancellare i risultati delle ricerche in tutto il mondo, quando accetta la richiesta di utenti che vogliono essere "dimenticati" dal motore di ricerca, e non solo nelle versioni europee del sito web.

La piazza francese non è l’unica dove si combatte la battaglia sulla “portata” del diritto all’oblio: la sentenza della Corte Ue dello scorso anno stabilisce quando un utente del web invoca il diritto all’oblio, Google e gli altri motori di ricerca devono cancellare (o de-indicizzare) le sue informazioni dai risultati. Ma le posizioni sono diverse: la Ue sostiene la necessità di applicare la cancellazione richiesta dai cittadini a tutta la rete, inclusi i domini .com, e Google che, invece, sostiene che il blocco debba interessare solo l’Europa visto che il diritto all’oblio si applica su questo territorio e non in tutto il mondo. 

La Francia è il primo Paese in cui si prospettano possibili sanzioni contro Google, sebbene i poteri del Clin siano limitati. Potrà imporre multe di massimo 150mila euro.

Il Cnil oggi ha annunciato di aver avvisato Google sulla necessità di espandere le richieste di delisting da parte dei cittadini a tutti i suoi domini, tra cui .com. Il colosso ha ancora 10 giorni per rispettare tale richiesta che, se non accolta, vedrà scattare procedimenti sanzionatori. “Se Google non sarà conforme entro la data prevista, il Presidente sarà nella posizione di nominare un Rapporteur che redigerà una relazione con cui raccomandare al Select Committee del CNIL (il comitato incaricato di imporre sanzioni in caso di violazione delle leggi francesi sulla protezione dei dati), di imporre una sanzione alla società. “ si legge nella nota.

Un portavoce di Google ha dichiarato: “Abbiamo lavorato duramente per trovare il giusto equilibrio per l’attuazione della sentenza della Corte europea, collaborando a stretto contatto con le autorità di protezione dei dati. La sentenza è focalizzata sui servizi rivolti agli utenti europei, e questo è l’approccio che stiamo prendendo in rispetto di tale termine.”

Google non ha risposto direttamente alla domanda se si amplierà o meno il delisting ai domini .com, in accordo all’ordine del Cnil. La società ha già sostenuto che l’applicazione della rimozione dal .com è inutile, perché solo una “piccola percentuale” di traffico europeo è indirizzato a tale dominio.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE