In 3 mesi Wikipedia ha perso 250 milioni di click a causa di Google Answers

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 24 Agosto 15 Autore: Pinter
In 3 mesi Wikipedia ha perso 250 milioni di click a causa di Google Answers
Le visite online su Wikipedia hanno subito in soli tre mesi un calo di 250 milioni di click. Sino ad oggi gran parte del traffico di Wikipedia derivava dal fatto che gli algoritmi di Google hanno sempre privilegiato l’enciclopedia libera: infatti Wikipedia è sempre fra i primissimi risultati, se non tra i primi due. 

Ma all´introduzione delle finestre di Google Answers (piccoli box che riassumono un argomento in breve) la necessità di seguire il link a Wikipedia è fortemente ridotto. Queste finestre permettono di soddisfare la maggior parte delle curiosità senza bisogno di approfondire aprendo un´ulteriore pagina web, svantaggiando -appunto- Wikipedia. Dopo tanto averla aiutato, ora sembra volerla distruggere.

Jimmy Wales, il fondatore di Wikipedia, ridimensiona i fatti: “Prima di tutto non si tratta di un calo improvviso del traffico da Google, quanto piuttosto di una decrescita distribuita nel tempo del traffico in arrivo da fonti esterne tra cui Google”. Una decrescita fisiologica ma soprattutto non rilevante: Wikipedia secondo Wales non ha bisogno dei click per crescere e quindi mantenere la qualità delle sue voci.

Essendo infatti un progetto non profit e senza pubblicità, Wikipedia non ha una relazione diretta fra quanti visitatori vanno a trovarla e quanti invece lavorano per contribuire a creare nuove voci o migliorare quelle esistenti. 

Però c´è già qualcuno che sostiene che quello di Google è un comportamento anti-concorrenziale, che di fatto impedisce agli utenti di aprire altre finestre (come quelle di Wikipedia).
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE