Il drone che vola, naviga e si immerge

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 27 Gennaio 16 Autore: Pinter
Loon Copter, è un drone che può volare, navigare a pelo d´acqua e persino immergersi: è un nuovo tipo di drone in sviluppo presso l´Università di Oakland, ma prima di diventare davvero utile deve risolvere alcuni limiti tecnici.

Di droni ormai ce ne sono di tutti i tipi e sempre più capaci di fare diverse cose, maLoon Copter è un drone di nuovo tipo, in grado di volare, navigare sull´acqua e persino immergersi. È in sviluppo presso l´Embedded Systems Research Laboratory dell´Università di Oakland ed ha uno scopo molto serio: essere utilizzato durante le operazioni di salvataggio in mare o per effettuare ispezioni ingegneristiche sott´acqua, ad esempio per quanto riguarda le piattaforme petrolifere o altre strutture.

Non si tratta di una novità assoluta, questo è infatti l´ultimo prototipo del Loon Copter, il più avanzato e capace in grado  raggiungere le semifinali nella competizione chiamata Drones for Good che si terrà il mese prossimo a Dubai.

Non c´è dubbio infatti che in futuro determinate operazioni saranno affidate sempre di più a droni civili sviluppati apposta per compiti di sorveglianza e ricognizione e Loon Copter rappresenta uno di questi tentativi di sviluppo in questa direzione. Apparentemente l´aspetto è quello di un normale quadri-cottero ma a ben guardare presenta una struttura centrale cilindrica molto pronunciata che serve sia per galleggiare che per immergersi, essendo di fatto una vera e propria camera d´aria come quelle utilizzate ad esempio nei sommergibili.

Il drone che vola, naviga e si immerge - immagine 1

I quattro rotori possono infatti tenerlo in volo o spingerlo sull´acqua, mentre facendo entrare l´acqua nella struttura centrale Loon Copter sprofonderà (per il momento solo fino a pochi metri) e poi, ruotando di 90 gradi, sarà in grado di sfruttare ancora una volta i rotori per spostarsi sott´acqua. Espellendo l´acqua dalla camera stagna invece il Loon Copter tornerà alla superficie e potrà riprendere il volo decollando direttamente dall´acqua.

Il principio di funzionamento è lo stesso dei sommergibili, quando va in acqua il drone allaga dei compartimenti dedicati e comincia l´attività subacquea ruotandosi di 90 gradi, così da usare i suoi 4 rotori per gli spostamenti. Processo opposto per la riemersione, da un lato viene espulsa l´acqua, il drone riemerge in superficie e, non appena pronto, riprende il volo con agilità.

Oltre alla generica sorveglianza, questo drone anfibio potrebbe essere utilizzato in molti altri ambiti tra cui le operazioni di salvataggio in mare o le ispezioni delle navi o delle piattaforma marine.

Al momento però c´è una limitazione cruciale che non lo rende davvero adatto al ruolo per cui pure i suoi sviluppatori l´hanno concepito: Loon Copter infatti non è in grado di trasmettere i filmati in tempo reale quando è sott´acqua. In futuro comunque le nuove versioni potranno contare su modem basati sulle onde acustiche o boe ripetitore per permettere lo streaming live, evitando la necessità del thethering.    

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate