Il declino di Firefox, fallito sugli smartphone e a picco fra i browser

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 27 Febbraio 16 Autore: Stefano Fossati
Sono passati solo pochi anni da quando il “brand” Firefox era fra i più trendy del web: il browser open source sviluppato dalla Mozilla Foundation dalle ceneri di Netscape surclassava rivali storici come Opera e contrastava persino le corazzate Internet Explorer e Chrome, mentre il sistema operativo con lo stesso nome si proponeva di diventare l’alternativa al duopolio Google-Apple sugli smartphone. Acqua passata. In tre anni la quota di mercato del browser Firefox è crollata dal 19 al 9% (nello stesso periodo Chrome è passato dal 32 al 48%, dati StatCounter), mentre nei giorni scorsi Mozilla ha annunciato lo stop al progetto Firefox OS per gli smartphone, arrendendosi all’evidenza di un mondo dominato da Android e iOS.

Quando, due anni e mezzo fa, vennero lanciati i primi smartphone Firefox, Mozilla sperava di proporre un sistema operativo realmente “open” che potesse differenziarsi dall’approccio di Google e Apple che, oltre a infarcire le loro piattaforme con le rispettive app native dalle quali non è possibile liberarsi (se non ricorrendo a “root” o “jailbreak”), controllano direttamente anche gli app store dai quali scaricare le app di terze parti. Ma questa proposta alternativa a quella dei colossi dominanti non ha evidentemente incontrato l’interesse dei consumatori: la strategia che puntava a rendere Firefox OS il riferimento fra gli smartphone di fascia bassa si è rivelata un fallimento, nonostante gli accordi con grandi operatori mobili come Deutsche Telekom e produttori di dispositivi come Huawei.

Il declino di Firefox, fallito sugli smartphone e a picco fra i browser - immagine 1

A differenza di Android e iOS, Firefox OS era basato quasi interamente sul web, a partire dalle app (“Web app”, appunto), che gli sviluppatori potevano realizzare ricorrendo alle tecnologie standard su cui si basano i siti web (Html, JavaScript, CSS…). Ma neanche questo è servito a favorire la creazione di un ecosistema di applicazioni che potesse anche solo lontanamente avvicinarsi a quelli delle due piattaforme che si spartiscono oggi il mercato mondiale degli smartphone. Un duopolio che nemmeno il colosso Microsoft è riuscito a scalfire.

Sul blog di Mozilla Ari Jaaksi, senior vice president per i dispositivi connessi, ha scritto che l’organizzazione non profit focalizzerà ora Firefox OS sull’internet delle cose. Ma le difficoltà del sistema Firefox sono evidenziate anche dalle scelte di due ex manager Mozilla, l’ex CEO Brendan Eich e l’ex CTO Andreas Gal, che per i progetti delle rispettive startup hanno preferito affidarsi alla tecnologia di Google Chrome piuttosto che a quella su cui hanno lavorato in passato. Firefox OS continuerà invece a vivere in H5OS, ennesimo nuovo sistema operativo per smartphone che sarà presentato al prossimo Mobile World Congress di Barcellona da Acadine Technologies, startup fondata da un altro ex manager Mozilla, l’ex presidente Li Gong. Che dovrà usare argomenti convincenti per spiegare come intende riuscire là dove Microsoft e Mozilla (e Blackberry e Nokia…) hanno fallito.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE