Il Galaxy Note 7 è morto: Samsung ferma definitivamente la produzione

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 12 Ottobre 16 Autore: Stefano Fossati
Samsung ha messo definitivamente fine alla breve ma travagliata storia del Galaxy Note 7: il colosso coreano ha comunicato di avere fermato per sempre la produzione del suo phablet di punta. “A tutela della sicurezza dei consumatori, abbiamo fermato le vendite e le sostituzioni del Galaxy Note 7 e abbiamo di conseguenza deciso di fermare la produzione”, ha detto una portavoce della società. In precedenza, Samsung aveva comunicato un “temporaneo aggiustamento” dei piani relativi al dispositivo; ma evidentemente i problemi che lo affliggono sono così gravi da indurre i responsabili della divisione Mobile del gruppo a ritenere più conveniente il ritiro del Note 7 dal mercato piuttosto che modificarlo una seconda volta.

Presentato all’inizio di agosto, il Galaxy Note 7 concentrava su di sé molte aspettative da parte dei consumatori e della stessa casa, dopo l’ottimo successo ottenuto dai Galaxy S7 e S7 Edge, dai quali il phablet ereditava molte caratteristiche hardware. E le prime recensioni lo collocavano effettivamente fra i migliori smartphone sul mercato (noi stessi avevamo ricavato un’ottima impressione al primo contatto). Tuttavia, dopo l’avvio delle vendite in alcuni Paesi, la segnalazione di alcuni casi di esplosione della batteria avevano indotto Samsung a sospenderne la commercializzazione a inizio settembre, proprio alla vigilia del lancio in Europa, raccomandando al contempo a tutti coloro che avessero un Note 7 di spegnerlo e di riportarlo quanto prima al rivenditore in cui lo avevano acquistato. Subito dopo la società aveva lanciato una campagna di sostituzione di tutti gli esemplari in circolazione con una nuova versione dello stesso dispositivo modificata con una batteria diversa.

Il Galaxy Note 7 è morto: Samsung ferma definitivamente la produzione - immagine 1

La scorsa settimana, però, da Stati Uniti e Taiwan sono stati segnalati casi di surriscaldamento e incendio di Galaxy Note 7 di nuova fornitura, distribuiti proprio in sostituzione degli esemplari a rischio esplosione. Casi che hanno indotto prima gli operatori mobili d’oltreoceano e subito dopo la stessa Samsung a sospendere nuovamente le vendite del dispositivo, contemporaneamente all’annuncio dell’”aggiustamento” della produzione. Ora la definitiva “morte”, accompagnata da una nuova raccomandazione di non utilizzare lo smartphone: “I clienti con un Galaxy Note 7 originale o un Galaxy Note 7 sostitutivo dovrebbero spegnerlo e usufruire delle soluzioni disponibili”, si legge in una nota di Samsung. Fra queste, la sostituzione con un Galaxy S7 Edge (modello molto simile al Galaxy Note 7, ma non affetto da problemi di surriscaldamento né tantomeno di esplosione) o il rimborso integrale del prezzo d’acquisto; gli operatori mobili statunitensi offrono inoltre la possibilità di sostituire il Note 7 con uno smartphone di altri produttori.

Al di là dei costi (non indifferenti) relativi alla sostituzione o al rimborso di tutti gli esemplari prodotti (solo quelli richiamati della prima fornitura erano 2,5 milioni), il gruppo coreano dovrà ora affrontare il danno di immagine derivante dalla disastrosa vicenda del Galaxy Note 7. In primis con il lancio, il prossimo febbraio, del nuovo “flagship” Galaxy S8, che dovrà necessariamente essere non solo privo di difetti, ma anche innovativo e stupefacente al punto da far dimenticare al pubblico il Note 7 “esplosivo”. Non sarà facile, con una concorrenza agguerrita alla quale si è da poco aggiunta Google: tuttavia la casa coreana ha dimostrato negli ultimi anni di avere diversi assi nella manica in fatto di innovazione (si pensi solo al Gear VR, il visore in grado di trasformare uno smartphone in un dispositivo per la realtà virtuale). Non a caso, qualcuno mormora che la presentazione del Galaxy S8 sancirà il debutto commerciale del tanto atteso smartphone “pieghevole” al quale il gruppo sta lavorando da anni.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate