Il Caso Hacking Team

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 11 Luglio 15 Autore: Jone Pierantonio - 19612 letture
Categoria: sicurezza
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum
Nella notte tra il 5 e il 6 luglio un hacker solitario ha divulgato i documenti riservati di Hacking Team. La ditta milanese è stata hackerata.

Il Caso Hacking Team - immagine 1

Cos’è Hacking Team

E’ un’azienda italiana di software di spionaggio. Nel suo business non vi è nulla di illegale, dato che i suoi software vengono venduti ai cyber 007 mondiali. Famoso è l’RCS, Remote Control System, ovvero lo spyware – o trojan – che penetra nel computer dell’utente e ne governa l’intero sistema da remoto, spiando, quindi, le webcam, controllando come root la kernel e navigando indisturbato nell’intero sistema. Ma non solo, i malware prodotti dalla compagnia milanese, erano – e sono – in gradi di spiare conversazioni su Whatsapp, bucare gli IPhone, i sistemi Android e chi più ne ha più ne metta. Ma già era finita sotto accusa con il rapporto "Nemici di Internet" stilato da Reporter senza frontiere, o durante il Datagate, nel rapporto della Ong Privacy International su centinaia di aziende private che vendono sistemi di intercettazione simili a quelli usati dalla Nsa. Anche la canadese Citizen Lab aveva accusato Hacking Team di complicità coi governi sulla violazione della privacy.

I costi

Un business che ha tentacoli fino ai quattro angoli della Terra. La Presidenza del Consiglio dei Ministri, nel 2011, ha versato alla Hacking Team, più di 408mila euro.Solo l’FBI, dal 2011, secondo il leak, ha speso 775mila dollari in prodotti dell’azienda italiana. La Polizia Cantonale di Zurigo ha acquistato il malware di #HackingTeam per 486.500 euro a fine 2014. Nel solo 2011, l’azienda di spionaggio milanese, ha fatturato più di 8 milioni di euro. Nel 2012 l’intelligence del Sudan, ha versato 480mila euro. Il solo Cile, i cui prodotti di malware sono stati acquistati dalla polizia investigativa di governo, ha versato 2milioni e 800mila euro. Giri di milioni, solo per poter entrare nei computer degli utenti, spiarli e cercare di lottare contro il terrorismo. In questi piani antiterrorismo dei governi, spesso e volentieri, rientrano giornalisti e attivisti, come si è visto in molte occasioni, perché considerati dissidenti, o comunque personaggi scomodi.



[  [1] 2     Successiva »   ]

Pagine Totali: 2

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate