I social che aiutano nelle crisi come quella di Parigi

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 16 Novembre 15 Autore: Pinter
Safety Check è un servizio che Facebook ha predisposto per le situazioni di emergenza: attraverso l’app del social network, viene chiesto lo stato di salute a chi si trova in zone in cui è avvenuto qualcosa di disastroso . “Stai bene?” chiede l’app: basta un click per far sapere ad amici e parenti che si sta bene e che non si è coinvolti in quanto accaduto.

Facebook ha attivato il Safety Check non appena è stata chiara la natura dell’emergenza nella capitale francese: centinaia di morti, vari attacchi in tutta la città, il caos ovunque.

Il meccanismo è facile ed è un grande valore in momenti come quelli vissuti a Parigi: un click sullo smartphone è sufficiente per garantire il proprio stato di salute e per tranquillizzare parenti e  amici.

I social che aiutano nelle crisi come quella di Parigi - immagine 1
Altri social network e altri gruppi (si ricorda quanto fatto da Google in caso di terremoti o tsunami) hanno operato in modo medesimo. Le istituzioni non hanno invece strumenti per dialogare direttamente con le persone in modo capillare. Quando si relazionano con i gruppi privati, purtroppo, lo fanno spesso per estendere il proprio monitoraggio o per aggravare istinti censori. Finora è mancato invece uno sforzo cooperativo, un modo per creare protocolli che possano creare ad esempio un safety check condiviso, onnicomprensivo, che possano raggiungere chiunque a prescindere dal device utilizzato, dall’app disponibile, dagli account in possesso e dalle tecnologie a cui si ha accesso.

"Questa attivazione cambierà la nostra politica sul Controllo di sicurezza e come attivarlo per altri incidenti gravi e tragici che potrebbero succedere in futuro. Vogliamo che questo strumento sia disponibile quando e dove può aiutare. "

Mark Zuckerberg ha rilasciato una dichiarazione in seguito alle critiche su quando attivare la funzione di Controllo di sicurezza, raccontando che le persone "hanno chiesto giustamente perché abbiamo acceso Safety Checka per Parigi, ma non per i bombardamenti a Beirut e in altri luoghi." Zuckerberg ha osservato che si attiveranno
d´ ora in avanti anche per tutti i disastri e le emergenze.

Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE