HoloLens: autonomia superiore alle aspettative

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 19 Gennaio 16 Autore: Pinter
Microsoft ha svelato qualche dettaglio in più su HoloLens parlando di autonomia, campo visivo e altro: è passato circa un anno dalla presentazione di HoloLens, l’ecosistema a realtà aumentata di Microsoft basato su un headset capace di ricreare un vero e proprio ambiente operativo in 3D e di dialogare con l’esterno, con particolare attitudine per il gaming. Il suo arrivo sul mercato non è particolarmente vicino, ma sembra si stia verificando un’accelerazione nella fase di sviluppo che fa sperare in tempi ristretti.

Durante un evento a Tel Aviv il Technical Evangelist di Microsoft Bruce Harris ha svelato alcuni particolari interessanti su HoloLens, il visore di realtà aumentata su cui la casa di Redmond sta lavorando da tempo e il cui arrivo è stato anticipato,strabiliando tutti, un anno fa.

HoloLens: autonomia superiore alle aspettative - immagine 1

Harris ha affermato che qualsiasi applicazione progettata per Windows 10 funzionerà nativamente con HoloLens, anche se sarà necessario creare soluzioni apposite per sfruttare il pieno potenziale del dispositivo.

Trattandosi di un prodotto wireless , ossia privo di cavi, l´autonomia è molto importante e secondo Harris è "molto simile a quella di un portatile", ma è legata soprattutto a ciò che si fa. Si parla di una media tra le 5 e le 5,5 ore con un uso base e 2,5 ore con un uso "altamente intensivo".

Similmente al sensore a infrarossi di Kinect, il nuovo HoloLens è in grado di realizzare un modello 3D dell´ambiente in cui vi trovate, identificando strutture fisse e creando ologrammi interattivi che possono essere mostrati come se fossero dei veri oggetti. E poiché si tratta un dispositivo autonomo, HoloLens consente di muoversi nell´ambiente.

Il FOV (field of view, campo visivo) non è onnicomprensivo, il che significa che c´è un confine con il mondo reale per impedirvi di soffrire del cosiddetto motion sickness (o chinetosi - cinetosi), associato in genere ai dispositivi di realtà virtuale - un problema che i produttori stanno risolvendo.
Secondo Microsoft il FOV di HoloLens è simile a un monitor da 15 pollici a circa 30 - 60 cm di distanza dal vostro volto. Cioè il display virtuale è grande 15’’,ovvero delle dimensioni di un display da 15´´ posizionato a circa mezzo metro dagli occhi, limite abbastanza notevole dato che non permetterebbe una vera e propria "immersione" nella realtà tridimensional. Il tecnico Microsoft rassicura però la platea di sviluppatori, che ben presto si avrà su HoloLens una visione estesa, una questione di tempo insomma trattandosi ancora di un prototipo.

Harris non ha parlato del prezzo della versione consumer di HoloLens, ma ha affermato che per mantenere il prezzo più basso possibile, autonomia della batteria e FOV sono stati limitati. Quando il processo produttivo migliorerà, Microsoft rivedrà il prezzo e probabilmente si occuperà di migliorare  questi aspetti.


Il kit di sviluppo di HoloLens sarà reso disponibile agli sviluppatori nel corso di questo trimestre a 3000 dollari (come anticipato), non certo pochi. La prima versione del dispositivo mira però al mondo enterprise piuttosto che a quello del gaming. La prima versione inoltre supporterà solo la lingua inglese.

Infine ha affermato che HoloLens consentirà di condividere l´esperienza con altri utenti con il visore, grazie alla connettività Internet, permettendo a più persone a distanza di vedere un oggetto nello stesso momento. Questa caratteristica sarà tuttavia legata alla connessione, ossia dalla banda disponibile.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE