Google Home: come la tecnologia parlerà con le persone

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 21 Maggio 16 Autore: Fabio Ferraro
Si sta tenendo, in questi giorni, il Google I/O 2016, l’evento per sviluppatori in cui saranno presentate le novità e le linee guida con cui l’azienda di Mountain View intenderà proseguire.

Google Home: come la tecnologia parlerà con le persone - immagine 1

E se negli anni passati, l’attenzione era rivolta soprattutto alla presentazione di nuovi dispositivi, il focus quest’anno è posto sopratutto verso le innovazioni in termini di servizi offerti dall’azienda californiana. Il punto di arrivo di Google sarà quindi rivoluzionare il modo con cui l’utente interagisce con la tecnologia, rendendola più naturale e spontanea. Questo passerà attraverso il potenziamento dell’assistente virtuale offerto da Google. Now è un assistente virtuale poco invasivo paragonato a prodotti concorrenti (Siri e Cortana). La nuova estensione permetterà però di rispondere a domande complesse o concatenate. Questo renderà quindi la “conversazione” fra utente e assistente più naturale. Ma la vera rivoluzione non è nell’intelligenza artificiale, bensì nell’integrazione con l’assistente, non parliamo infatti di un prodotto nato prettamente per dispositivi mobile o computer, bensì per qualsiasi tipologia di strumento “smart”.

Google Home: come la tecnologia parlerà con le persone - immagine 2

Dai dispositivi smart ad una casa smart il passo è breve e, stando alle dichiarazioni di Google, ha già un nome: Google Home.
È piccolo, di forma cilindrica e con le basi intercambiabili ma, soprattutto, in grado di “ascoltare” un utente ed interfacciarsi con qualsiasi dispositivo intelligente presente in casa (dalle lampade agli altoparlanti, alle televisioni) e a fornirci informazioni di qualsiasi genere, anche relative alla nostra quotidianità (ad esempio, avvisandoci dell’arrivo di un pacco tramite corriere). La casa diventerà quindi un “ecosistema by Google”, confortevole e gestibile semplicemente “conversando”.

Google Home: come la tecnologia parlerà con le persone - immagine 3

Ma conversare con oggetti non potrà mai sopperire al bisogno di scambiare una chiacchierata con un buon amico. E, in questa tipologia di servizio, Google non è al momento leader di settore.
Un trend che cercherà di cambiare grazie a due nuove app: Duo e Allo. “Duo” permetterà di effettuare video chiamate. “Niente di nuovo” direte voi, ma vi sbagliate.
La sua particolarità sarà nel permettere di visualizzare il viso della persona chiamante prima di avviare la conversazione. Può sembrare una funzione non particolarmente significativa, ma aiuterà a conoscere anticipatamente lo stato d’animo della persona con cui parleremo e questo, almeno a livello psicologico, potrebbe invogliare gli utenti ad utilizzare il prodotto.

“Allo” è invece uno strumento di instant messaging e dovrà porsi in diretta concorrenza con prodotti già affermati come Whatsapp e Telegram. Il progetto per battere la concorrenza è semplice: integrare il motore di ricerca di Google con una chat di IM, permettendo, in  un solo strumento, di effettuare ricerche ed ottenere utili consigli relativi alla nostra conversazione. Questo avverrà grazie all’integrazione di bot.

Google Home: come la tecnologia parlerà con le persone - immagine 4

Dalla prima giornata del Google I/O è quindi chiaro come l’azienda californiana voglia cambiare il nostro modo dicomunicare e di  interfacciarci con la tecnologia .
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Windows

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate