Facebook, i governi e il commento da parte di Kaspersky Lab

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 22 Ottobre 15 Autore: Fabio
Facebook, i governi e il commento da parte di Kaspersky Lab
L’annuncio da parte di Facebook in relazione all’avviso da recapitare agli utenti che vengono spiati da enti governativi (qui la nostra news) ha sollevato alcuni commenti.

Riportiamo la dichiarazione di David Emm, Principal Security Researcher, Global Research & Analysis Team di Kaspersky Lab, l’azienda specializzata nella produzione di software progettati per la sicurezza informatica.

“La decisione di Facebook di avvertire gli utenti in caso di "forte sospetto" che un account sia stato compromesso da un attacco promosso da uno stato-nazione sottolinea l´importanza di non eccedere con la condivisione di informazioni sui social network: ovvero l’importanza di non postare nessuna informazione sensibile che possa essere utilizzata da un potenziale criminale. Se non volete ritrovare queste informazioni sulla prima pagina di un quotidiano nazionale è meglio non condividerle su Facebook o su qualsiasi altro social network.
Ciò include informazioni sull’azienda per cui si lavora che potrebbero essere utilizzate da un utente malintenzionato per intrufolarsi nella rete aziendale. Data la difficoltà di attribuire gli attacchi, sarebbe interessante sapere quali elementi Facebook utilizzerà per decidere quando l’attacco è ´stato sponsorizzato´.
D´altra parte, non sono solo gli stati-nazione che utilizzano questo approccio: gruppi criminali che eseguono attacchi mirati di ogni tipo utilizzano trucchi di social engineering per ottenere un punto d´appoggio iniziale per accedere all’interno dell´organizzazione obiettivo dell’attacco.
Sarebbe, inoltre, interessante sapere perché vengono segnalati solo gli attacchi sponsorizzati dagli stati-nazione. Non date per scontato che il vostro account sui social network sia immune da attacchi solo perché pensate che uno stato-nazione non possa avere alcun interesse nei vostri confronti e ricordatevi che qualsiasi cosa viene condivisa online diventa di proprietà pubblica ed è impossibile controllarla.”

Insomma, come non ci stanchiamo mai di ripetere, sui social network condividete pure quel che più vi piace, ma utilizzate il buon senso prima di premere il tasto "Condividi" e chiedetevi se davvero volete che quella foto, quella frase, quel video diventino proprietà pubblica.

Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE