Dropbox banna il servizio torrent Boxopus

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 26 Giugno 12 Autore: Gianplugged
Dropbox banna il servizio torrent Boxopus
Recentemente, su queste pagine avevamo segnalato un nuovo servizio in beta denominato Boxopus, che consentiva agli utenti Dropbox di salvare i loro torrent direttamente nello spazio on the cloud in modo semplice e veloce. In pochi giorni, il servizio aveva raggiunto più di 50 mila iscritti. Dropbox ha ritenuto però che Boxopus potesse essere un pericolo e lo ha bannato dall´utilizzo delle proprie API.

"E´ giunto alla nostra attenzione il fatto che la funzionalità Boxopus potrebbe essere percepita come incoraggiamento per gli utenti a violare i diritti d´autore utilizzando Dropbox" è il contenuto di una mail ricevuta nelle scorse ore dal team di Boxopus e proveniente dai responsabili del servizio di storage.

"La violazione del copyright è contro i nostri termini di servizio" continua Dropbox nella mail "quindi abbiamo chiuso l´accesso alle API della vostra applicazione. Una volta che l´accesso è revocato, qualsiasi API richiamata dalla vostra applicazione avrà esito negativo".

Con questa decisione, Dropbox decreta praticamente la morte del servizio: "Una volta che la versione alpha è stata approvata eravamo abbastanza sicuri che Dropbox fosse d´accordo, così ci siamo impegnati per ottimizzare il servizio" ha dichiarato il fondatore di Boxopus al sito TorrentFreak "Ci sono voluti 3 mesi per completare il prodotto con un team di 5 persone, e un investimento di 30 mila dollari".

Per cercare di far sopravvivere il servizio, i responsabili di Boxopus stanno adesso tentando di stringere degli accordi con altre realtà di storage on the cloud.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: P2P e Web

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE