Notizia Precedente
Comodo Dragon 30.0
Notizia Successiva
YUMI 1.9.9.4

Datagate: protocollo d´intesa tra Intelligence italiana e Garante Privacy

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 12 Novembre 13 Autore: Gianplugged
Datagate: protocollo d´intesa tra Intelligence italiana e Garante Privacy
Da oggi in poi, quando i servizi segreti italiani compieranno delle azioni che coinvolgeranno dati sensibili dei cittadini avranno l´obbligo di comunicarlo all´Autority per la privacy. Perlomeno è quanto previsto in un protocollo di intenti che il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS) e il Garante per la privacy hanno firmato nelle scorse ore a Palazzo Chigi.

"Con questa intesa i cittadini saranno ancora più tutelati" scrive Palazzo Chigi in un comunicato stampa "Avremo così nuovi strumenti per assolvere al meglio le funzioni istituzionali sia del garante per la privacy sia del comparto intelligence. In questo senso il Protocollo compie un altro passo in avanti in direzione della trasparenza dei servizi segreti".

"Il Protocollo di intenti compie una ricognizione delle disposizioni vigenti sugli accertamenti del Garante nei confronti dell´Intelligence, con specifico riferimento agli accessi alle banche dati delle amministrazioni e dei gestori dei servizi di pubblica utilità, e di quelli effettuati per le finalità indicate nella direttiva sulla sicurezza cibernetica" si legge ancora nel comunicato.

L´accordo, che ha durata biennale, coinvolge naturalmente anche l´investigazione dei dati informatici di connessione e utilizzo di servizi Web e altri dati elettronici. I servizi d´intelligence, sulla base del nuovo protocollo avranno l´obbligo di fornire all´Autority un elenco degli stessi. 

"Se il Datagate ha suscitato una rinnovata attenzione dei diversi organi di controllo sul tema del trattamento dei dati personali da parte dell´Intelligence" continua Palazzo Chigi "la definizione dell´accordo si propone di dare risposta all´esigenza di sistematizzare i controlli del Garante, già previsti dalla normativa vigente, che si affiancano a quelli del Copasir e dell´Autorità giudiziaria, completando la cornice di garanzie a presidio dei dati personali".

"Non è un provvedimento emergenziale" ha dichiarato Giampiero Massolo, direttore del Dis "Si trattava piuttosto di dare attuazione efficace e concreta a quello che era già previsto nel nostro ordinamento. Non tutti, infatti, sanno che anche al Garante per la privacy spettano controlli dell´attività intelligence a tutela dei cittadini".
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate