Come fermare i cybercriminali? Elementare, Watson

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 18 Giugno 16 Autore: Stefano Fossati
Dopo avere imparato a fare il cuoco, il medico, il giocatore di scacchi, il pilota di Formula 1 e moltissime altre cose, IBM Watson si lancia ora nella lotta al cybercrimine. E’ questo il nuovo ambito di applicazione che il colosso informatico americano ha progettato per la sua tecnologia di cognitive computing: l’intelligenza artificiale del supercomputer Watson sarà infatti utilizzata da IBM Security per analizzare, identificare e prevenire attacchi informatici. Per farlo, però, dovrà prima essere “addestrata”: IBM riferisce che al momento Watson sta apprendendo le tante sfumature delle abilità tipiche di un analista di sicurezza, capace di scoprire segnali deboli e evidenze analizzando tracce e dati di attacchi informatici e minacce difficili da individuare.

Il prossimo step nella “formazione in cybersicurezza” di Watson è previsto per l’autunno, attraverso la collaborazione con importanti università e con i loro studenti per istruire ulteriormente il supercomputer alla comprensione del linguaggio in abito cybersecurity: tra gli atenei coinvolti, la California State Polytechnic University di Pomona, la Pennsylvania State University, il MIT, la New York University, l´Università del Maryland della Baltimore County (UMBC), l´Università di New Brunswick, l´Università di Ottawa e l´Università di Waterloo. Naturalmente Watson beneficerà anche di “X Force”, l’enorme banca dati di IBM sulla cybersicurezza, comprendente 20 anni di ricerca sulla sicurezza, dettagli relativi a 8 milioni di attacchi di tipo spam e phishing e oltre 100mila vulnerabilità documentate.



Watson sarà quindi chiamato a “dare una mano” agli analisti di sicurezza informatica: un aiuto che risulterà quanto mai gradito, se si considera – sottolinea la stessa IBM – che un’azienda o un’organizzazione di medie dimensioni ogni giorno deve valutare oltre 200mila dati ad eventi relativi alla sicurezza e spende in media 1,3 milioni di dollari all’anno solo per la gestione dei “falsi positivi”, per i quali vanno sprecate oltre 21mila ore di lavoro. Progettato per l’utilizzo su IBM Cloud, Watson for Cyber Security sarà la prima tecnologia a offrire tecniche di cognitive computing in ambito sicurezza in modo scalabile, grazie alla capacità del supercomputer di ragionare e apprendere da “dati non strutturati”, che costituiscono l’80% di tutti i dati presenti in internet e che gli strumenti di sicurezza tradizionali non riescono ad elaborare, tra cui blog, articoli, video, report, alert e informazioni di altro tipo. Ad esempio, Watson potrà rintracciare dati relativi a una nuova tipologia di malware in un bollettino di sicurezza on-line e collegare questi elementi con dati contenuti nel blog di un analista di sicurezza che descrive una nuova strategia di risoluzione. In questo modo, Watson for Cyber Security sarà in grado di fornire spunti utili relativi a minacce emergenti nonché raccomandazioni su come bloccarle.

“Anche se il settore si dimostrasse in grado di coprire il milione e mezzo di posti di lavoro vacanti, previsti nel campo della sicurezza informatica entro il 2020, avremmo comunque una carenza di competenze in materia di sicurezza”, spiega Marc van Zadelhoff, General Manager di IBM Security. “Il volume e la rapidità dei dati in materia di sicurezza rappresentano una delle nostre maggiori sfide nell’affrontare la criminalità informatica. Sfruttando la capacità di Watson di contestualizzare quantità incredibili di dati non strutturati, che per le persone sarebbe impossibile elaborare senza aiuto, saremo in grado di offrire nuovi spunti, suggerimenti e conoscenze ai professionisti della sicurezza, garantendo maggiore rapidità e precisione agli analisti della sicurezza informatica di livello avanzato, offrendo però allo stesso tempo una formazione ‘sul campo’ agli analisti alle prime armi”.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE