Cofano adesivo sulle auto senza guidatore per salvare la vita ai pedoni investiti

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 20 Maggio 16 Autore: Stefano Fossati
Una superficie adesiva per le auto driverless in grado di limitare i danni ai pedoni in caso di investimento. L’ha brevettata Google nell’ambito dei suoi studi per i futuri veicoli a guida autonoma. In pratica, una persona investita resterebbe “incollata” al cofano anteriore dell’auto invece di essere sbalzata lontano con conseguenti ulteriori danni.

L’idea, sulla carta interessante, andrebbe ovviamente sviluppata e testata approfonditamente prima di giungere a una eventuale omologazione per l’applicazione ai veicoli in circolazione sulle strade. La stessa Google precisa di non essere in grado di prevedere, al momento, se e quando potrà applicare concretamente questo brevetto. Il quale prevede che la superficie adesiva sia normalmente nascosta da un rivestimento protettivo, in modo da evitare che vi restino attaccati polvere e detriti quando l’auto è in movimento; nel momento dell’impatto iniziale con un oggetto, questo rivestimento si aprirebbe lasciando scoperta la parte adesiva.

Cofano adesivo sulle auto senza guidatore per salvare la vita ai pedoni investiti - immagine 1

Il colosso di Mountain View sta testando auto senza conducente dal 2009, coprendo fino a oggi più di un milione e mezzo di chilometri: in alcune circostanze i veicoli di prova sono rimasti coinvolti in piccoli incidenti, il più grave dei quali ai danni di un pullman, anche se la società ha riferito che, nella maggioranza dei casi, i sinistri sono stati causati dai conducenti degli altri mezzi coinvolti.

L’idea di “catturare” sul frontale dell’auto un eventuale pedone investito non è peraltro del tutto nuova: i media britannici ricordano ad esempio che nel 1974 l’allora gruppo automobilistico inglese British Leyland realizzò cinque prototipi dotati nella parte anteriore di una sorta di gabbia che, attivata a molla in caso di impatto, avrebbe trattenuto il pedone impedendo che finisse sotto l’auto o fosse proiettato in avanti. Il fatto che, in questi quarant’anni, nessun veicolo abbia mai adottato questa soluzione la dice lunga sull’esito di quell’esperimento. Ora Google ci riprova con il “cofano adesivo”: sarà davvero la svolta nella sicurezza dei pedoni?

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE