Banche sempre più a rischio hacker

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 23 Marzo 16 Autore: Stefano Fossati
Vivi nel terrore di essere hackerato nel tuo pc o nel tuo smartphone? Certo, le precauzioni sono sempre doverose, ma non essere troppo paranoico: gli hacker preferiscono le banche agli utenti “comuni”. Lo sottolinea il nuovo report di Symantec sulla cybersicurezza, basato sull’osservazione degli attacchi informatici condotti nel 2015 contro istituti finanziari. Ne emerge che, sebbene i “trojan bancari” rilevati siano stati il 73% in meno rispetto all’anno precedente, la loro efficacia è stata superiore.

Banche sempre più a rischio hacker - immagine 1

Il perfezionamento delle tecnologie di sicurezza, unitamente ad arresti e operazioni di controllo condotte dalle forze dell’ordine, hanno infatti determinato una riduzione del numero di attacchi; tuttavia anche le tecniche degli hacker si fanno sempre più sofisticate. E, sebbene i sistemi delle banche siano decisamente più difficili da attaccare rispetto ai pc dei singoli utenti, i profitti illeciti che possono generare sono ovviamente molto maggiori.

Il report cita ad esempio l’attacco malware Carbanak Trojan, che in due anni ha fruttato ai cybercriminali un miliardo di dollari rubati a diverse banche in una trentina di Paesi, mostrando la sempre maggiore capacità degli hacker di introdursi all’interno di reti ritenute “sicure” senza essere scoperti. In alcuni casi questi attacchi hanno origine da campagne phishing diffuse via mail, che colpiscono l’utente finale per ottenere l’accesso ai sistemi informatici della banca di cui è cliente. Una volta penetrato nella rete di una banca, un hacker può attendere di capire come trasferire denaro, realizzare transazioni fraudolente o fare in modo che i bancomat eroghino denaro senza essere nemmeno toccati, spiegano i ricercatori di Symantec.

Ogni giorno vengono inviati milioni di email contenenti malware come Dridex, un trojan in grado di rubare dati di accesso che proprio in questi primi mesi del 2016 si sta diffondendo a macchia d’olio. “Gli istituti finanziari devono essere informati di questi rischi e continuare a educare i loro clienti sulla sicurezza”, si legge nel report.
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate