Arriva la replica di Kaspersky: nessuna campagna segreta

Naviga SWZ: Home Page » News
News del 19 Agosto 15 Autore: Pinter
Arriva la replica di Kaspersky: nessuna campagna segreta
Due giorni fa abbiamo pubblicato la news di due ex dipendenti di Kaspersky che accusavano la ditta di antivirus russa di aver prodotto dei falsi positivi al fine di danneggiare la reputazione delle società concorrenti. 

Secondo l´articolo (la notizia era stata diffusa da Reuters, una delle maggiori agenzie giornalistiche mondiali) gli attacchi erano stati ordinati direttamente da Eugene Kaspersky, co-fondatore dell’azienda, come vendetta contro società rivali che avrebbero copiato i suoi programmi anziché sviluppare proprie tecnologie.

Pronta la replica da parte del portavoce italiano dell´azienda per smentire la notizia che  ieri ci ha inviato una mail :" Kaspersky Lab non ha mai svolto nessuna campagna segreta per ingannare i propri concorrenti generando falsi positivi per danneggiare la loro posizione di mercato. Tali azioni sono immorali, disoneste e illegale. Le accuse anonime, da parte di ex dipendenti scontenti che Kaspersky Lab o il suo CEO siano coinvolti in questi incidenti sono senza valore e semplicemente false. Come membri della comunità della sicurezza, condividiamo i nostri dati di intelligence delle minacce e gli IOC (Indicator of compromise) sugli attori delle minacce avanzate con altri fornitori e riceviamo e analizziamo i dati sulle minacce forniti da altri. Anche se il mercato della sicurezza è molto competitivo, lo scambio di dati sulle minaccia è una parte fondamentale della sicurezza globale dell´intero ecosistema IT, e noi ci impegniamo duramente per contribuire a garantire che questo scambio non sia compromesso o corrotto.

L´ufficio stampa racconta che a proposito della diffusione di files dannosi da parte di Kaspersky, cinque anni fa l´azienda ha condotto un esperimento caricando 20 campioni di file non dannosi sul multi-scanner di VirusTotal. Questi non hanno però causato falsi positivi perché  erano file assolutamente puliti, inutili e innocui.

I dati dell´esperimento sono stati diffusi e resi pubblici, discutendo con i vari esponenti del mercato degli antivirus.

Ecco la replica di Eugene Kaspersky, che ha scritto un post -condito con un po´ di ironia- su questa vicenda:

Proprio di recente, Reuters ha ottenuto un ´esclusiva mondiale´ di proporzioni sbalorditive nel mondo antivirus. L´articolo, pieno di sensazionali - false - accuse, afferma Kaspersky Lab (KL), ha creato molti specifici malware mirati, e lo ha distribuito in forma anonima ad altri concorrenti anti-malware, con il solo scopo di causare guai seri per loro e danneggiare la loro quota mercato. Oh si. Ma si sono dimenticati di aggiungere che noi evochiamo tutto questo durante le sessioni di Banya piccanti, dopo aver parcheggiato fuori gli orsi che cavalchiamo.

Per leggere tutto il post di Eugene (in inglese): https://eugene.kaspersky.com/ 2015/08/14/the-abracadabra-of- anonymous-sources/
Inserisci un commento sul forum Commenta la News sul Forum

Voto:

Categoria: Sicurezza

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate