Arriva il Phantom 4, il primo drone venduto da Apple

Naviga SWZ: Home Page » Mobile
News del 04 Marzo 16 Autore: Stefano Fossati
Apple entra ufficialmente nel mercato dei droni. No, nessun iDrone in vista: semplicemente la casa di Cupertino inizierà presto a vendere nei suoi store il nuovo modello realizzato dalla cinese DJI, il maggiore produttore mondiale di droni. Il Phantom 4 si distingue a prima vista per il design particolare, pensato per la funzionalità, certo, ma anche, per ammissione della stessa società, per fare bella figura nei negozi in mezzo ai vari dispositivi della casa di Cupertino.

Sull’onda del successo ottenuto dai precedenti modelli, DJI ha infatti visto crescere negli ultimi tempi la propria produzione più velocemente della propria rete commerciale. Per questo i vertici dell’azienda di Shenzen hanno stretto un accordo con Apple, che a partire dal 15 marzo venderà il Phantom 4 nei propri negozi in esclusiva per un mese. In alternativa, il nuovo drone potrà essere acquistato online allo stesso (non proprio modico) prezzo di 1600 euro.

Arriva il Phantom 4, il primo drone venduto da Apple - immagine 1

A caratterizzarlo, al di là dell’aspetto, sono innanzi tutto le cinque videocamere di cui è dotato: la principale ha una risoluzione di 12 megapixel e riprende immagini in qualità 4K a 129 frame al secondo; le altre quattro fungono da sensori e consentono al dispositivo di evitare ostacoli autonomamente. Tutte possono essere sostituite in caso di necessità e allo stesso modo le eliche possono essere smontate (ed eventualmente sostituite) con un semplice click. Insomma, il Phantom 4 è un drone “di lusso”, all’altezza del prezzo di vendita.

Fra le altre novità rispetto al Phantom 3 dello scorso anno, un raggio d’azione raddoppiato del sistema di connessione wi-fi Lightbridge, che consente il controllo del drone da terra e sfiora adesso i cinque chilometri. La velocità massima cresce a 58 km/h. Migliorata anche l’autonomia della batteria, 28 minuti contro i 23 o 25 delle diverse versioni del modello precedente, grazie all’adozione di un accumulatore da 5350 mAh in luogo di quello da 4480 mAh.

Fra gli impieghi per cui è stato progettato il Phantom 4, la possibilità di seguire e trasmettere dall’alto eventi sportivi: grazie alla funzione “Activity tracker”, è possibile impostare il drone affinché segua costantemente un determinato oggetto, anche quando si nuove velocemente, descrivendo dei movimenti circolari intorno all’obiettivo preso di mira. L’intelligenza artificiale di cui è dotato questo drone gli consente di imparare la conformazione degli ostacoli dall’osservazione dei luoghi circostanti, in modo da accrescere la capacità di evitarli.

Il produttore promette un deciso passo avanti anche nella facilità di controllo del Péhantom 4 da parte dell’utente, grazie alla nuova app TapFly per Android e iOS, che consentirebbe di pilotare il drone in maniera intuitiva come se fosse il protagonista di un videogioco in prima persona.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

News Collegate