Apple vuole creare una propria Rete ad Alta Velocità

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 11 Luglio 15 Autore: Pinter
Apple vuole creare una propria Rete ad Alta Velocità
Apple si prepara ad investire per avere un’infrastruttura ad alta velocità ed aggiornare i suoi data center, imitando la strategia di Google.

Poiché la domanda dei consumatori on line, i dati , contenuti in streaming e servizi mobile continuano a crescere, Apple starebbe cercando di aumentare la sua alta velocità di rete di infrastrutture per fornire più di quei servizi in-house.

Apple investirà miliardi di dollari per avere una rete ad alta velocità e aggiornare i suoi data center. Obiettivo: poter contare su un’infrastruttura più efficiente e veloce per erogare servizi ai consumatori, dalla musica e i film di iTunes all’archivio di contenuti su iCloud,dall’assistente vocale Siri al nuovo Apple Music per lo streaming di canzoni. Lo riporta Bloomberg, secondo cui la Mela costruirà un’infrastruttura per collegare fisicamente i suoi principali data center Usa.

Nel dettaglio, Apple starebbe lavorando al collegamento dei data center in California, Nevada, North Carolina e Oregon, tra loro e con le principali dorsali internet puntando soprattuttpo ai grandi mercati metropolitani. Da qui, i contenuti arriverebbero ai consumatori attraverso la banda larga, con connessioni che Cupertino vuole a una velocità di centinaia di gigabit al secondo.

Il piano di Apple sembra simile alla strategia di Google: negli Usa l’azienda di Mountain View è proprietaria di migliaia di chilometri di cavi in fibra ottica che vanno fino ai suoi datacenter e usano hardware e software di proprietà per gestire problemi di capienza. Anche Microsoft, Amazon e Facebook hanno speso diversi miliardi di dollari in infrastrutture volte a migliorare i servizi cloud.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE