Apple non potrà brevettare Slide-To-Unlock in Germania

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 28 Agosto 15 Autore: Pinter
Apple non potrà brevettare Slide-To-Unlock in Germania
Lo “slide to unlock“, il sistema tipico di iOS per sbloccare il dispositivo con lo scorrimento delle dita sullo schermo touchscreen, non potrà essere un brevetto Apple in Germania. Le corti di ultima istanza tedesche hanno stabilito che il sistema non è sufficientemente sofisticato affinché possa essere garantita la protezione di un brevetto, così ora Apple non può più rivendicare alcun diritto su questo brevetto che altrove è stato riconosciuto come una delle peculiarità di iOS e in quanto tale non riproducibile.

Il sistema di sblocco voluto da Apple per i propri dispositivi è diventato un tratto distintivo di iOS, tanto che altrove ne è stata riconosciuta la paternità al gruppo di Cupertino. In Germania, tuttavia, le corti hanno riconosciuto come sistemi analoghi già esistessero prima dell’avvento di iPhone e dei prodotti correlati, in particolare in relazione allo smartphone N1m della società svedese Neonode, un terminale che già nel 2005 impiegava una simile tecnologia.

In Europa lo Slide To Unlock di Apple è stato classificato come non brevettabile nel 2012 nel corso di una precedente causa contro HTC, dalla cui sentenza era per altro emerso come la funzione citata fosse stata già usata nel 2004 appunto da un dispositivo della svedese Neonode, dotata del sistema operativo Microsoft CE.

Tutto questo anche se la “guerra termonucleare” tra Apple e Google che aveva fortemente voluto Jobs è da tempo terminata: le due società hanno lo scorso anno annunciato un “armistizio” ponendo fine a tutti i ricorsi legali pendenti e annunciando persino di essere disposte a collaborare in alcuni campi di riforma dei brevetti”.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE