Addio navigatori, TomTom punta all’auto senza guidatore

Naviga SWZ: Home Page » Tech
News del 05 Marzo 16 Autore: Stefano Fossati
Tramontata l’era dei navigatori satellitari per auto, ormai soppiantati dagli smartphone, TomTom punta al business delle auto a guida autonoma. La società olandese ha realizzato le mappe 3D di tutte le statali della California e delle statali e autostrade del Michigan. Queste mappe “HAD” (Highly Automated Driving) consentono appunto alle auto “driverless” di muoversi su strada, in combinazione con i sensori montati a bordo. E non è un caso che queste mappe riguardino proprio due degli stati Usa nei quali vengono attualmente condotti test di auto a guida autonoma e/o assistita da parte di Google e di alcuni gruppi automobilistici.

Fra questi i colossi General Motors e Ford, ma anche il produttore di auto elettriche Tesla. TomTom intende quindi proporsi come il principale fornitore delle mappe necessarie alle future auto “senza guidatore”. Lo stesso Ceo della società, Harold Goddijn, ha ammesso il mese scorso di essere alla ricerca di partnership industriali nel campo dell’automazione nel settore automobilistico. Del resto, una partnership con un gruppo delle quattro ruote potrebbe aprire nuove prospettive alla collaborazione che la stessa TomTom ha avviato con Uber, che sostiene la ricerca sulle auto driverless all’istituto di robotica della Canergie Mellon di Pittsburgh. Un’altra alleanza è stata siglata lo scorso luglio da TomTom con Bosch, colosso tedesco della componentistica pe l’automotive che pure sta conducendo test di vetture “automatiche” in Germania e California.

Addio navigatori, TomTom punta all’auto senza guidatore - immagine 1

Proprio la necessità di disporre delle mappe 3D per le auto a guida autonoma ha spinto lo scorso agosto un consorzio di produttori automobilistici tedeschi - che comprende Audi, BMW e Daimler – ad acquistare per 2,8 miliardi di euro Here, società berlinese fondata da Nokia per lo sviluppo delle mappe digitali un tempo incluse nei telefoni della casa finlandese. Solo un mese prima, Here aveva rilasciato le mappe HAD di alcune parti dell’area della baia di San Francisco, del Michigan, della Germania e della Francia. Poco dopo, a settembre, TomTom ha lanciato le mappe HAD dell’intera rete autostradale tedesca, per un totale di 24mila chilometri, poco meno del complesso (25mila chilometri) delle strade di California e Michigan recentemente “mappate” dalla stessa società.

La ricerca per l’auto a guida autonoma è finanziata da notevoli investimenti destinati a crescere ulteriormente nel prossimo futuro, da parte delle aziende del settore automobilistico, di quelle tecnologiche e dei governi di diversi Paesi: giusto il mese scorso il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha proposto uno stanziamento di quattro miliardi di dollari a supporto dell’industria dell’automazione un campo automobilistico.

La Community di SWZone.it

La community con le risposte che cerchi ! Partecipa é gratis !
Iscrizione ForumIscriviti al Forum

Newsletter

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di SWZone direttamente via mail ?
Iscrizione NewsletterIscriviti alla Newsletter

NOTIZIE CORRELATE